Perché una lapide?

Presso Funeral Arts

GINEVRA - VAUD - VALLESE - FRIBURGO - NEUCHÂTEL

Il vostro specialista in monumenti funebri per tutta la Svizzera

A cosa serve una lapide e di cosa è fatta?

A lapide è un monumento commemorativo in pietra. In genere include il nome della persona sepolta, le date di nascita e di morte e, talvolta, un messaggio personale o una preghiera chiamata epitaffio. Quando è collocata in posizione verticale alla testa di una tomba, è più precisamente chiamata stele.

A lastra funerariaconosciuto anche come lastra di tumuloUn segnacolo è una lapide, solitamente in pietra, posta sopra una tomba, come nel pavimento di una chiesa o su un muro, e di solito recante un epitaffio o un'effigie incisa.

La storia della lapide

La lapide, nella sua forma più letterale, esiste da migliaia di anni. Alcuni siti archeologici mostrano che l'uomo di Neanderthal era sepolto in fosse profonde nelle grotte.

A quei tempi, le lapidi venivano utilizzate per proteggere il corpo del defunto dagli animali selvatici. Questa pratica si è protratta per molti anni e l'apposizione di pietre sopra la tomba è diventata una sorta di tradizione non sempre confermata.

Inoltre, i superstiziosi credevano che così facendo avrebbero impedito ai morti di tornare in vita.

Lapidi: i diversi nomi

I diversi nomi delle lapidi

Prima di essere chiamate definitivamente pietre tombali, sono passate attraverso diversi nomi.

Tuttavia, il nome si riferiva ancora alla lapide.

Ad esempio, un tempo si chiamavano memoriali. Ma ci sono anche nomi che si allontanano dal termine, come "lapidi commemorative" o "lapidi per animali domestici" o "lapidi a doppia profondità" e "lapidi per due".

Lapidi

Le lapidi hanno sempre avuto una grande importanza. Anche se i vari scopi perseguiti dall'uomo ai tempi di Neanderthal e al giorno d'oggi sono molto diversi, il significato delle lapidi è ancora importante.

Oggi le lapidi sono il modo migliore per onorare il defunto evocandone la vita o lo status sociale sulla lapide.

Tuttavia, la tradizione è cambiata molto da paese a paese e da generazione a generazione. Si tratta in particolare della forma della tomba, più o meno dettata dalle diverse usanze praticate dagli abitanti.

Tra i giapponesi, ad esempio, è tradizione costruire una lapide dopo il matrimonio di due persone. Quando uno di loro muore, l'altro dipinge le iniziali del defunto in rosso sulla lapide.

Il concetto di cimitero

All'inizio le tombe si trovavano vicino alla casa di famiglia. A quei tempi, i materiali utilizzati erano principalmente pietre grezze o marcatori di legno. Le lapidi riportavano solo il nome della persona, l'età e l'anno di morte. Quando la chiesa riconosceva la sepoltura, questa veniva inclusa nel rito funebre.

Le tombe e i cimiteri divennero gradualmente una pratica comune, sia all'interno che all'esterno dei riti funebri delle chiese. I monumenti funebri erano solitamente quadrati e snelli, realizzati in arenaria o ardesia.

Composizione di una lapide

Schema della lapide 1. basamento, 2. base, 3. stele, 4. lapide

Il monumento funerario è composto da diverse parti che vengono assemblate per formare un insieme, la tomba1 :

  • Piede: chiamato anche "passe pied", è la parte orizzontale che forma la base del monumento.
  • Base: chiamata anche "blocco di brezza", costituisce la base del monumento funebre. Quadrato o arrotondato, può essere dotato di un prie-dieu o di una fioriera.
  • Stele: elemento verticale di varia forma (doga, pergamena, cuore, tulipano, triangolo) destinato ad accogliere l'epitaffio e l'ornamento (litografia, scultura in bassorilievo, pasta vitrea), direttamente piantato nel terreno o arricchito da una base.
  • Lapide: elemento orizzontale che copre tutto o parte del luogo di sepoltura. Di forma (piatta con pendenze, a forma di cappello di gendarme, sporgente) e dimensioni variabili, può ricevere gli stessi ornamenti della stele e si apre sulla volta.

L'incisione funebre decora la lapide o la stele. Generalmente in 5 tipi di colori (bianco, oro, nero, marrone Van Dick, argento), consente di incidere il nome e il cognome del defunto, nonché la data di nascita e di morte.

La ricamatura è il rifacimento da parte del marmista funebre di un'incisione su una lapide che tende a sbiadire.